Preloader
Cambia lingua Change language

Contest: scheda artista

No Habits

band

No Habits

1.9

media su 14 voti ricevuti
Downbound Train

ACCEDI per votare

CURRICULUM VITAE

We believe. We run. We have no habits.

Anno 2010: Apple presenta il nuovo iPad, a Seul si svolge il G20, anonimi versano nel Lambro milioni di litri di idrocarburi, due attacchi terroristici colpiscono Mosca, negli Usa viene creata la prima forma di vita sintetica e a Milano nascono i No Habits.

Un tributo ai Pearl Jam, formatosi tanto per gioco quanto per vocazione, che ripropone lo spirito dei primissimi ragazzi di Seattle.

Una formazione comprendente musicisti che hanno fatto parte di altre tribute band italiane. Formata da cinque elementi che hanno vissuto la loro adolescenza in città con problematiche giovanili spesso simili a quelle americane da cui nasce il grunge.

Città come Taranto e Lecce, luoghi di mare, città di impegno sociale, territori di lotte di classe, dove a volte l'unico modo per toglierti dalla strada è suonare in una band.

Energici, vitali, trascinanti i No Habits non danno tregua.

Dalle atmosfere avvolgenti delle rock-ballads “Black”, “Immortality”, “I got shit”, alla potenza delle emozioni di storici brani come “Alive”, “Rearview mirror”, “Animal”, e “State of Love and Trust”.

Con una scaletta che include soprattutto i primi cinque album della band di Seattle, i No Habits ripercorrono con vivacità, capacità e divertimento, i brani che hanno segnato tappe rilevanti nel panorama “grunge”: “Ten”, “Versus”, “Vitalogy”.

Partner & Sponsor